Si presenta come “il tuo utile collaboratore creativo per liberare la tua immaginazione, migliorare la tua produttività e dare vita alle tue idee”: è la nuova AI di Google, disponibile anche in Italia e in italiano. Vediamo come funziona e come utilizzarlo.

Cos’è Bard

Come afferma lo stesso Google, “Bard può aiutarti a trovare 5 idee per rompere il ghiaccio prima di iniziare una riunione” , “Bard può suggerirti 3 ricette con uova, pomodori e formaggio”, e così via. In pratica, puoi utilizzare questa intelligenza artificiale per ricevere supporto per idee e progetti, trovare spunti e idee correlate, ottenere un riepilogo di argomenti complessi più rapido e facile da capire, creare testi per mail, progetti, ecc., o creare un codice.

Nota bene: Google ti ricorda che sei responsabile dell’uso del codice, che potrebbe essere soggetto a una licenza open source.

Google ti mette anche in guardia sull’affidabilità di Bard: le risposte non possono essere considerate consigli medici, legali, finanziari o di altro tipo.

Infatti, Bard  è un’IA sperimentale e potrebbe fornirti informazioni imprecise o inappropriate: in questi casi, puoi segnalare la risposta e contribuire a migliorare Bard lasciando un feedback, rendendo l’AI più utile e sicuro. 

Potrebbe interessarti anche: ChatGPT: il chatbot più famoso del mondo

Come funziona Bard

I browser supportati sono Chrome, Safari, Firefox, Opera o Edgium. Per utilizzarlo, ti basterà accedere al tuo Account Google e poi al sito bard.google.com: da qui, per iniziare a parlare con Bard, clicca su “Nuova chat” e  inserisci la tua domanda nella casella di testo in basso e cliccare su invia. Oltre al testo, potrai inviare anche foto o file.

Una volta effettuata la domanda, potrai anche modificarla: ti basterà andare a “Modifica testo” e cliccare poi su “Aggiorna”. Invece, per cercare argomenti correlati a una risposta, fai clic su “Cerca su Google” sotto la risposta.

Potrebbe interessarti anche: Artifact: l’app di notizie testuale basata sull’AI

Vediamo in dettaglio cosa si può fare su Bard.

Esportare le risposte in altri prodotti Google

È possibile esportare le risposte di Bard:

  • per esportare una risposta in Documenti Google, vai sotto la risposta clicca su “Condividi” e poi “Esporta in Documenti”: la risposta verrà salvata in un nuovo documento su Google Drive
  • per esportare una risposta in Gmail, fai clic su “Condividi” e poi “Bozza in Gmail”: la risposta verrà salvata come bozza di una nuova mail in Gmail. Dunque, questa funzionalità è disponibile solo se hai un account Gmail
  • per esportare una tabella in Fogli Google, fai clic su “Esporta in Fogli” nella parte in basso a destra della tabella: verrà salvata in un nuovo foglio di lavoro su Google Drive. 

Nota bene: se esporti contenuti da Bard, ai contenuti verranno applicati i termini e le norme del servizio in cui li esporti.

Bard è ora disponibile in più Paesi e più lingue

Dal 13 luglio, Bard è disponibile in più di 40 lingue ed è accessibile in molti Paesi. Nonostante questa enorme diffusione, Google afferma che si sta impegnando, in un’ottica responsabile all’IA, a proteggere gli utenti. In particolare,avvalendosi dell’aiuto di esperti, legislatori ed enti regolatori riguardo a questa espansione,e adottando anche misure per proteggere i dati e la privacy delle persone.

Risposte personalizzate

Con Bard è possibile:

  • ascoltare le risposte: è utile, ad esempio, per ascoltare la pronuncia di una parola straniera, o per ascoltare una lettura. Per attivare questa funzione basta scrivere un prompt e selezionare l’icona dell’altoparlante 
  • avere risposte multiple: puoi scegliere il tono e lo stile delle risposte di Bard, in particolare in base a cinque opzioni diverse: semplice, lunga, corta, professionale o informale. Al momento questa funzionalità è disponibile solo in inglese, ma verrà presto estesa ad altre lingue.

Potrebbe interessarti anche: Come difendersi dalle truffe basate sull’intelligenza artificiale